FORUM
Cineforum> 2013-2014> Salvo ||Stagioni precedenti
Lunedì 3 febbraio proiezione sostituita con Eva
SALVO
(Italia, Francia 2013) di Fabio Grassadonia, Antonio Piazza (103')
Con Sara Serraiocco, Saleh Bakri, Luigi Lo Cascio, Giuditta Perriera, Mario Pupella, Redouane Behache, Jacopo Menicagli, Dylan Tauro

A Palermo i destini di Salvo (Saleh Bakri) e Rita (Sara Serraiocco) si incontrano grazie ad un miracolo, accaduto in un mondo in cui non se ne verificano mai. Rita è cieca sin dalla nascita e si ritrova ad essere presente nel momento in cui Salvo, killer della mafia, uccide suo fratello. Nonostante non veda niente, Rita sembra fissare Salvo, che per evitare il fastidio le chiude gli occhi con le mani ancora sporche di sangue. Quando Rita riapre gli occhi, inaspettatamente ha recuperato la vista...

Premi:
Vincitore di 2 premi internazionali (più 1 nomination) tra cui Gran Premio Settimana della Critica al Festival di Cannes.

Così la critica:
Roberto Nepoti (la Repubblica)

Il vero successo italiano a Cannes, nell’edizione 2013, è questa opera prima a due firme coprodotta con la Francia. Tra poliziesco, storia d’amore, western e dramma sociale, un film quasi senza parole (le battute di dialogo si contano sulle dita) ma che parla il linguaggio del cinema: comincia con una semi-soggettiva di venti minuti - tanti ne passano prima che il volto del protagonista ci sia svelato - e prosegue con inquadrature accuratissime (la fotografia è di Daniele Ciprì), rumori d’ambiente importanti quanto le immagini, ellissi e reticenze non indegni del cinema di Jean-Pierre Melville.

Maurizio Acerbi (il Giornale)
Finalmente una pellicola che spazza via l’idea stereotipata che tanti sceneggiati ci hanno trasmesso della povera Sicilia. I dialoghi, soprattutto nella prima parte, sono ridotti al minimo. A parlare sono i corpi, anzi gli occhi dei due strepitosi protagonisti, Saleh Bakri e Sara Serraiocco, capaci con uno sguardo, una espressione, un tocco lieve della mano, di trasmettere sensazioni claustrofobiche, rabbiose, sottomesse...

FABIO GRASSADONIA - Palermo
ANTONIO PIAZZA - Palermo

Fabio Grassadonia e Antonio Piazza sono entrambi scrittori e registi palermitani. Hanno lavorato a lungo come sceneggiatori (per Fandango hanno scritto la commedia musicale ‘Ogni volta che te ne vai’, 2004, ambientata nel mondo delle balere romagnole), come consulenti per diverse società di produzione italiane e come freelance con workshop europei quali Berlinale Residency e Torino FilmLab. Nel 2010 hanno esordito alla regia con il cortometraggio di ambientazione palermitana ‘Rita’, premiato ai Nastri d’Argento e in oltre 100 festival europei (tra cui Rotterdam, Edimburgo, Chicago, Angers, Aspen, Abu Dhabi, Toronto). ‘Salvo’ è il loro lungometraggio d’esordio.
TORNA SU